Tutto da rifare

Quinto posto nella crono individuale per Ale Carvani Minetti nella “Due giorni del mare di Marina di Massa” di domenica 8 aprile: buon risultato dal punto di vista della prestazione e delle sensazioni, ma reso impossibile prima dalle difficoltà di classificazione e poi dai problemi di cronometraggio.

Venerdì la prima brutta notizia: niente esordio sul triciclo per Ale, che si vede negare il permesso di correre. “Sono stato ammesso solo per la cronometro, sulla mia bici a due ruote e con classificazione C3 – commenta l’atleta pavese, che in questa categoria è detentore del Record dell’Ora – ma non è chiaro il motivo: il fatto di essere sostanzialmente l’unico atleta con questa disabilità crea grande confusione. Da un lato non sono ammesso al triciclo perché, a quanto abbiamo capito, non sarebbe adatto alla mia specifica condizione; dall’altro, sulla bici normale insieme agli altri sarei un pericolo per me e per tutti. In più, nelle gare internazionali il supporto per il petto non sarebbe ammesso”.

Sabato giornata di verifiche e pensieri, poi testa alla crono di domenica, resa difficile dal vento ma tutto sommato buona, considerato che si tratta di una prima uscita e di una gara non programmata. Nel pomeriggio, la doccia fredda: gli organizzatori comunicano che i cronometristi ufficiali non sono stati in grado di validare la crono, quindi i punti vanno solo alla gara in linea. Tutto da rifare.

Resta la soddisfazione per la prestazione, ma l’atleta pavese, che punta al Giro d’Italia di paraciclismo e al Mondiale in agosto, scalpita: “Non ci voleva. Dobbiamo risolvere al più presto il problema della classificazione, o rischiamo di non avere la possibilità di fare punti nella prima parte della stagione, che è sempre la più difficile. Fisicamente ci siamo, la preparazione continua. Solo, vorrei poter correre come so fare”.

In sella! La nuova stagione parte da Marina di Massa

Domenica 8 aprile a Marina di Massa esordio nel paraciclismo – disciplina di cui Ale detiene il Record dell’Ora per la categoria C3, stabilito nel novembre 2015 al Velodromo di Montichiari (BS) – con due grandi novità: la nuova classificazione, che si stabilirà tra venerdì e sabato, e la prima corsa su triciclo. “Per poter […]

L’anno che è passato, l’anno verrà: il paracycling e il sogno Tokyo 2020

Anno 2017: Alessandro vince finalmente l’Europeo di paraduathlon, centrando anche l’ultimo obiettivo. Quindi titolo italiano ed europeo di paraduathlon, primo posto per il triathlon e, alla fine, il titolo più bello che non è una medaglia ma un anello d’oro…